Archive for dicembre, 2010

Il 2010 di Dominion

// dicembre 22nd, 2010 // No Comments » // aie

E’ Dominion il gioco più amato dagli aostani ludici: a sorpresa, la riuscitissima creazione di Vaccarino ha scalzato Dixit e ha conquistato il titolo di Gioco dell’Anno 2010 di Aosta Iacta Est, sull’onda dell’entusiasmo che ha portato la vittoria del nostro piccolo Jean Pierre nella finale del campionato nazionale. Terzo posto del podio per l’inevitabile Carcassonne, vincitore del 2010: a seguire un sacco di titoli, da Kinsgburg a Railways of the world, passando da Alta Tensione e Puerto Rico. A portare a casa il premio, estratto a sorte nella cena di Natale dal piccolo Alessio, è Paola Giordan: buone partite, Paola!

Torna il gioco dell’anno

// dicembre 7th, 2010 // No Comments » // aie

Dopo la vittoria del 2009 di Carcassonne, anche quest’anno Aosta Iacta Est sceglie il suo "Gioco dell’anno": tutti i soci possono votare uno dei titoli che hanno giocato nelle tante occasioni  ludiche, proponendo tre giochi senza nessun limite di categoria, data di pubblicazione o diffusione. Il gioco più votato si aggiudicherà il prestigggggiosissimo premio, e tra tutti i votanti verrà estratto un fortunato vincitore che si aggiudicherà la scatola di uno dei titoli finalisti. Per votare basta inviare i tre nomi a giocodellanno@aostaiactaest.it, in ordine sparso: possono partecipare solo i soci, è un’occasione in più per tesserarsi 2010+2011!

Arrivano le finali regionali

// dicembre 1st, 2010 // No Comments » // aie

Ecco che, con la fine dell’anno, Aosta Iacta Est mette in lizza i suoi migliori giocatori: a dicembre i giochi più giocati dei tornei 2010 sono i protagonisti delle finali regionali, ossia di un’ultima sfida per incoronare il campione valdostano di ciascuna disciplina: Carcassonne, Catan, Dominion e Kingsburg. A ciascuno dei tornei partecipano 6 giocatori: i vincitori dei tornei e i migliori classificati nelle classifiche avulse basate sui risultati dei tornei dell’anno. I primi due di ogni classifica si giocano direttamente la finale, mentre chi è tra il terzo e il sesto posto deve affrontare una semifinale per strappare gli ultimi due posti disponibili e giocarsi il titolo. Se pensate di aver fatto bene tenete l’orecchio teso, perché stanno partendo le convocazioni… che vinca il più forte!